Edizioni Cuecm
Edizioni Cuecm
Ricerca
Parole da ricercare:
Autore:
Edizioni La Cantinella
Edizioni La Cantinella
Collane
Ambiti di ricerca
Download

Erone di Alessandria. Le radici filosofico-matematiche della tecnologia applicata
Anno: 2003
Pagine: 374
Prezzo: € 23,00 16,10
ISBN: 8886673515
Codice catalogo: 169
Collana: Symbolon
SYMBOLON N. 26
STUDI E TESTI DI FILOSOFIA ANTICA E MEDIEVALE
Direttore: Francesco Romano
UNIVERSITÀ DI CATANIA        
DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA CULTURA,
DELL'UOMO E DEL TERRITORIO
 
 
 
 
 
 
Giovanna Giardina, Erone di Alessandria. Le radici filosofico-matematiche della tecnologia applicata, 2003.
 
La filosofia matematica di tipo aristotelico-euclideo, che è quella che ha giocato un ruolo primario nello sviluppo della tecnologia tardoantica, nonché lo studio Erone di Alessandria, definito dall’autrice primo vero tecnologo dell’antichità, costituiscono la materia di questa ricerca di Giovanna Giardina.
Dopo essersi cimentata negli studi di tradizione pitagorico-platonica, con il saggio sull’Introduzione aritmetica di Nicomaco di Gerasa ed il relativo Commentario di Giovanni Filopono, l’autrice si dedica all’altro versante della tradizione matematica, privilegiando le Definizioni dei termini geometrici, di cui viene presentato il testo originale, corredato di traduzione e di un dettagliato commento che si avvale dell’ausilio esplicativo delle figure geometriche analizzate da Erone. Si tratta di un testo, che dietro l’apparente semplicità a fronte di altre opere più tecniche di Erone, nasconde il grosso nodo del legame fra la tecnologia e la matematica euclidea, dal momento che la meccanica era vista dagli antichi autori come il risultato di una più ampia visione fisico-matematica in cui la meccanica stessa si inscrive. Notevole il ricorso alle fonti a cui l’autrice è stata costretta nel tentativo di collocare cronologicamente e definire la figura di Erone. I meriti di questo volume sono esaltati dalla Presentazione del libro dovuta a un illustre studioso della matematica antica quale è Bernard Vitrac.